“Dobbiamo assicurare canali legali di ingresso e governare ordinatamente il fenomeno migratorio che non è certamente transitorio. Non possiamo consegnare le chiavi di ingresso all’Unione europea nelle mani dei trafficanti. Servono canali legali e ordinati e impegnarsi nei Paesi di origine dei flussi”. A dirlo è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando di flussi migratori a Malta, dove si trova in visita di Stato e alla vigilia di un vertice sulla crisi dei migranti che vedrà la partecipazione di 13 capi di Stato europei. L’Italia, aggiunge il capo dello Stato, è molto impegnata a stabilizzare la Libia, a rendere dignitosa ed accettabile la situazione nei campi profughi di quel Paese e su questo sollecita l’intervento dell’Unione europea. “Dobbiamo creare delle condizioni di vita accettabili e alleviare le terribili sofferenze” afferma Mattarella. Il presidente ha espresso la riconoscenza a nome dell’Italia nei confronti di Malta “per aver accolto la sua quota di migranti –  ciò non è avvenuto in tutti i Paesi dell’Unione europea e questo dimostra quanto l’Unione debba fare ancora molta strada per incrementare il suo tasso di solidarietà in molti fronti e in particolare su quello migratorio”. Mattarella ha sottolineato una volta di più che “è importante che tutti comprendano – e la Commissione europea capisce – che il fenomeno migratorio non è problema solo dell’Italia o di Malta ma un problema complessivo dell’Unione europea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banalizziamo il fascismo!

next
Articolo Successivo

Ius soli addio, Bersani sconsolato: “Stupri e barconi? Per questo Pd nega diritti a un bambino? Temo accordi vergognosi”

next