Il rinvio dello Ius soli significa affossare al legge che non vedrà l’approvazione in questa legislatura? “Temo di sì e c’è da dubitare che si faccia anche nella prossima legislatura. E’ un disastro. Stiamo dicendo ad un bambino italiano di dieci anni, che ha fatto qui le elementari, che lui non può diventare italiano perché ci sono i barconi e gli stupri. Cosa deve pensare quel ragazzino nei prossimi anni, sferzato da un’ingiustizia intollerabile? Chi dice ‘non è il momento’ non ha capito nulla di quel che sta accadendo in Italia e in Europa. E’ esattamente il momento di fare lo Ius soli e di regolarizzare i quattrocento mila fantasmi che accudiscono i nostri anziani”. Pier Luigi Bersani così commenta la decisione della maggioranza di non calendarizzare la legge in Senato. Non c’è maggioranza per approvarlo come afferma Luigi Zanda? “Io questa cosa non l’accetto. Non è detto che non ci siano i numeri e comunque bisogna far sapere a quei bambini che almeno mezza Italia è con loro”. La contrarietà di Angelino Alfano è utilizzata come ‘alibi politico’ dal Pd per non approvare la legge? “Ecco, temo, ci sia qualche tipo di accordo (tra Pd ed Alfano, ndr) su elezioni siciliane, legge elettorale e Ius Soli e questo sarebbe veramente vergognoso. Il Pd smentisca coi fatti che non c’è uno scambio di questo tipo. La legge sulla cittadinanza, venga messo all’ordine del giorno ed il governo ci metta la fiducia e poi vediamo. E’ una cosa troppo seria per non essere fatta”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Mattarella: “Non possiamo consegnare le chiavi dell’Europa ai trafficanti: ora canali legali e ordinati”

prev
Articolo Successivo

Sicilia, gli 80 euro del governo Crocetta a due mesi dalle regionali: aumento di stipendio per 22mila forestali

next