Sfidando il divieto della Questura di Roma, Forza Nuova (Fn) ha tenuto nella serata dell’8 settembre la “passeggiata per la sicurezza” al Tiburtino III, periferia difficile della Capitale, teatro a fine agosto del ferimento di un rifugiato eritreo durante una lite con italiani vicino a un presidio umanitario della Croce Rossa. E l’iniziativa si è svolta in un clima di tensione nonostante la presenza di poche decine di militanti. Dopo aver percorso alcune strade del quartiere, sono stati bloccati e accerchiati dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa. I tre organizzatori sono stati portati in commissariato per la denuncia immediata mentre gli altri, circa 60, sono stati filmati dalla Polizia Scientifica per la successiva denuncia

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, avvocatessa aggredita e rapinata: l’uomo ha tentato abuso ma poi è fuggito

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, cocaina dentro borsoni e trolley: sequestrati 218 chili di droga al porto di Gioia Tauro

next