Un’avvocatessa barese di 31 anni è stata aggredita e rapinata giovedì in pieno giorno nell’androne di casa, a Bari. L’uomo le avrebbe invano chiesto, minacciandola, anche atti sessuali. Sono in corso le indagine da parte della polizia per identificarlo. Stando alla descrizione della donna, l’aggressore aveva un accento italiano ma non è riuscita a vederlo in volto perché indossava grossi occhiali da sole.

L’avvocatessa – a quanto viene riferito – non ha denunciato di aver subito abusi. Ai sanitari del pronto soccorso del Policlinico di Bari e alla polizia ha raccontato di essere stata aggredita all’interno dell’edificio mentre usciva da un uomo che si era appostato nel vano scale approfittando del portone lasciato aperto. Sarebbe stata quindi costretta a consegnargli, sotto la minaccia di un coltello, il portafogli contenente pochi euro. L’aggressore è stato messo in fuga dopo pochi istanti da alcuni rumori, mentre la vittima, sotto shock, si è recata accompagnata dal marito in ospedale per essere sottoposta ad accertamenti medici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, responsabile sportello antiracket “minaccia” giornalista per farsi pubblicità

next
Articolo Successivo

Roma, “passeggiata per la sicurezza” di Forza Nuova: tensione tra manifestanti e polizia. Denunciati gli organizzatori

next