E’ indagato per istigazione a delinquere il mediatore culturale di Bologna che scrisse su Facebook, in relazione alle violenze sessuali di Rimini, che “lo stupro è peggio solo all’inizio”. L’uomo, ex dipendente della cooperativa bolognese Lai-Momo, è stato denunciato da una donna di Reggio Emilia, ‘sostenuta’ da un’associazione che tutela le donne abusate.

La procura di Bologna ha quindi iscritto il mediatore culturale di origini pachistane nel registro degli indagati e ha delegato le indagini alla Squadra mobile. L’ipotesi di reato si baserebbe sul fatto che quella frase, postata sui social, esprimeva un giudizio favorevole ad un reato realmente verificatosi.

Lo stupro? Peggio solo all’inizio, una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale”, aveva scritto Abid Jee, mediatore culturale 24enne di Crotone, due giorni dopo gli stupri di Rimini ad opera di un gruppo di quattro ragazzi nordafricani. Immediatamente sospeso, il 4 settembre era stato licenziato dalla coop Lai-Momo.

“Abbiamo operato nel pieno rispetto della procedura prevista dalla legislazione sul lavoro, senza cedere alle sollecitazioni, spesso rivolte con un linguaggio offensivo e talvolta minaccioso, di chi ci invitava a ricorrere a modalità meno corrette e rigorose”, spiegavano dalla cooperativa.

“Dopo una settimana nell’occhio del ciclone, in cui siamo stati oggetto di attacchi pesanti, tutti noi dobbiamo ricominciare a lavorare nella normalità dell’impegno quotidiano”, ha aggiunto il presidente della coop Andrea Marchesini Reggiani. Ora anche gli atti del licenziamento entreranno a far parte del fascicolo d’indagine, affidato al procuratore aggiunto Valter Giovannini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicurezza, cittadino tunisino espulso dall’Italia: “Aveva aderito a Isis e faceva proselitismo tra i giovani a Milano”

prev
Articolo Successivo

Bari, 13enne suicida: si è sparato con la pistola di servizio del padre poliziotto

next