È stata una mattinata insolita per i pazienti dell’ospedale Cristo re di Roma che erano in attesa di fare una tac. ”Verso le 9 di mattina – racconta un paziente –  è andata via la luce. Dopo un paio d’ore di attesa, durante le quali la corrente andava e veniva, veniamo informati che il macchinario della tac si era bloccato e medici e infermieri non riuscivano a farlo ripartire. Ci hanno suggerito di tornare tra 30 giorni o di andare altrove”, continua il paziente. ”Per fortuna il fratello di una paziente in fila con noi è un tecnico di questi macchinari. Nonostante fosse in ferie, ha risposto alla telefonata della sorella ed è riuscito a dare indicazioni a medici e tecnici dell’ambulatorio per far ripartire la Tac”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Regeni, la famiglia: “Pronti ad andare al Cairo. Possiamo arrivare alla verità, i media ci aiutino”

prev
Articolo Successivo

Vaticano, Francesco: “Pedofilia, assoluta mostruosità”. Il Papa intrappolato tra buone intenzioni e riforme poco incisive

next