Arrivati in Campidoglio a bordo di due minibus, i Radicali italiani hanno consegnato al segretariato generale del Comune le oltre 33mila firme raccolte a sostegno del referendum cittadino per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico nella Capitale. Il segretario del partito Riccardo Magi ha commentato: “Non vogliamo parlare di scontrini, chat segrete e delle fidanzate o fidanzati dei sindaci, ma di questioni politiche. Dopo il conteggio la sindaca dovrà indicare la data del referendum, che sarà una domenica tra aprile e giugno 2018. Se Atac è nelle condizioni di un’azienda fallita, questo è dovuto anche alle responsabilità dei sindacati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, guerra a colpi di esposti tra l’Ars e Fiumefreddo. L’ad: ‘Io cacciato da Riscossione’. Che sarà liquidata nel 2018

prev
Articolo Successivo

La battaglia del sindaco di Lucera (Foggia): incatenato per salvare il castello. “Dopo otto secoli, ora crolla per incuria”

next