a cura di Luigi Di Maso per Crampi Sportivi

Dal 1929 ad oggi si contano 85 edizioni del campionato di Serie A, ed è fuori discussione che la parte più movimentata del torneo, almeno come intensità della copertura mediatica, sia quella estiva, quella in cui il torneo è in pausa. Il periodo di maggior ricerca di notizie di calcio su Google non a caso, è proprio quello che va da luglio ad agosto.

Insomma, sognare è meglio che godere. Attendere con impazienza l’acquisto del top player genera più dopamina rispetto a vederlo giocare con la maglia della propria squadra.

Detto questo, tanta accessibilità genera altrettanti luoghi comuni che ci fanno amare il calciomercato ma che, al contempo, possono anche farcelo odiare.

#1 Non esistono più le bandiere

Che è un po’ come chiedersi se sia nata prima la gallina o l’uovo. Il giorno esatto in cui è stata pronunciata la famosa frase ci è ancora sconosciuto, noi ipotizziamo risalga agli anni d’oro di José Altafini. Fatto sta che quest’anno ci siamo ritrovati di fronte a un abuso del concetto.

E allora l’anno dell’addio di Francesco Totti “non poteva che essere un chiaro segnale della morte delle bandiere”, che poi sono sempre state un caso a parte, circoscritto, un’eccezione che poche squadre si sono permesse. Eppure ci piace pensare da sempre che no, non esistono più le bandiere. Non esistono più da sempre.

Neymar, Cassano e gli altri: perché il calciomercato ci appassiona più che vedere le partite

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Golf, il colpo più bello di sempre: tira da 160 metri e fa buca in modo impossibile

next
Articolo Successivo

Boxe, Vladimir Klitschko si ritira. Nessuna rivincita con Anthony Joshua

next