Stop al tappeto rosso del governatore della Liguria Giovanni Toti. Il soprintendente unico Vincenzo Tinè, ha imposto alla Regione di rimuoverlo da tre monumenti: la chiesa di Portovenere, il castello di Dolceacqua e la chiesa di Cervo.

In un’epoca di vacche magre la politica vive di gesti simbolici e diventa “Land Art”, ma oscilla subito fra Christo , Mister Bean, Stanlio & Ollio.

Mettere e togliere tappeti fra rocce e monumenti è un’attività ludica, che, filmata in diretta-streaming, genererebbe uno dei più strepitosi film comici mai ideati, qualcosa che davvero riporterebbe il sorriso sulle cupe e ‘ndranghetose coste liguri , anche perché evoca uno dei generi fondativi delle tv private: l’asta in diretta!

Come non ricordare il Principe iraniano Bijan che negli anni ’90, sugli schermi di Telemarket, promuoveva i suoi tappeti persiani cazziando gli assistenti : “ALZATELO PIU’ IN ALTO! ALZATELO CON ORGOGLIO!”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, 15enne denuncia stupro di gruppo: adescata con l’offerta di un gelato

next
Articolo Successivo

Strage Bologna, in municipio parla il ministro Galletti. I familiari delle vittime lasciano l’aula

next