Ha accoltellato i clienti del supermarket Edeka di Amburgo uccidendo un cittadino tedesco di 50 anni e ferendo altre 6 persone. Ma subito dopo l’aggressore, entrato in azione poco dopo le 15 armato di un grosso coltello da cucina e secondo i testimoni gridando“Allah Akbar”, è stato inseguito da un gruppo di passanti che gli hanno lanciato addosso le sedie di plastica di un locale lungo la strada. La scena è stata ripresa in un video, girato all’interno di un’auto. Nelle immagini si vede l’assalitore, che ha ancora in mano il coltello, mentre viene inseguito e preso letteralmente a sediate da quattro persone. Abbastanza per fermarlo e consentire alle forze speciali di mettergli le manette.

Fonti della polizia di Amburgo hanno detto all’Ansa che l’attentatore, la cui identità è ancora in fase di accertamento, ha 26 anni ed è nato negli Emirati Arabi. Le autorità della città tedesca hanno diramato un’allerta terrorismo chiedendo di rimanere lontani dall’area interessata dall’attacco tra Fuhlsbüttler Strasse e Hermann-Kauffmann Strasse, che si trova a Bamberk, nella zona nord della città. “Si è trattato sicuramente di un attacco solitario”, hanno specificato le forze dell’ordine, sempre su Twitter.

La portavoce della polizia Heike Uhde ha detto alla Bild: “L’uomo ha improvvisamente pugnalato i clienti”. Ma sui canali ufficiali, le autorità fanno sapere che – pur essendo ancora ignote le cause del gesto – è escluso un tentativo di rapina. La rete Ntv riferisce che è stata aperta un’indagine per terrorismo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Defend Europe, la grottesca nave anti-migranti è ripartita. Ma le domande restano

prev
Articolo Successivo

Corea del Nord, nuovo test missilistico nelle acque del Mar del Giappone

next