A pochi mesi dalle proteste di Foodora, anche i rider di Deliveroo scendono in piazza per rivendicare migliori condizioni di lavoro. I fattorini delle consegne di pasti a domicilio si sono dati appuntamento a Milano, città dove lavorano 600 dei mille lavoratori italiani della azienda. Erano presenti tra le 50 e le 100 persone molti dei quali a viso coperto. “L’abbiamo fatto perché l’azienda ci ha mandato una mail in cui ci invitava a non partecipare a questa manifestazione – racconta un ragazzo con una maschera bianca sulla faccia – Secondo loro era organizzata da gruppi violenti cosa non vera”. Tra le rivendicazioni dei rider ci sono contratti di assunzione veri e propri, ferie, malattia e tutele in caso di infortuni. “Una mia collega – racconta Alessandro – due settimana fa è stata investita e l’unica cosa che ha ricevuto per solidarietà da parte della azienda è stata una vaschetta di gelato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiom, Landini saluta i metalmeccanici per l’ultima volta: “Per me è difficile, è la mia vita”. E scarta i regali dei delegati

next
Articolo Successivo

Ue fotografa l’Italia, record di giovani che non hanno né cercano lavoro: sono il 19,9%. E aumenta la povertà

next