È morto in un incidente stradale il figlio di Cristiano Lucchinelli, figlio di Marco, campione mondiale della classe 500 negli anni Ottanta. La tragedia è avvenuta martedì sera, attorno alle 20, a Poggio Piccolo, frazione di Castel Guelfo, nel Bolognese. L’uomo si trovava in sella alla sua moto che si è scontrata contro un Range Rover in marcia nel senso opposto.

Sbalzato contro il muro di un’industria nella zona, per lui non c’è stato nulla da fare, nonostante l’arrivo immediato dei soccorsi e di un’eliambulanza. Cristiano Lucchinelli, 36 anni, era impegnato nell’azienda di famiglia, la Lucchinelli Experience, che si occupa di organizzare corsi per motociclisti, su pista e su strada. Suo padre Marco – soprannominato “cavallo pazzo” – è stato campione del mondo di motociclismo nel 1981, quando vinse la classe regina con la Suzuki.

L’anno successivo fu coinvolto in un grave incidente durante una gara che gli causò la frattura della mano. È noto alle cronache anche per la partecipazione al Festival di Sanremo nel 1982 e per la condanna, negli anni Novanta, a 5 anni e 4 mesi di carcere per possesso di cocaina. Durante la mattinata di mercoledì, Marco Lucchinelli ha voluto ricordare il figlio con una foto pubblicata sulla propria pagina fan di Facebook: uno scatto d’epoca, che ritrae il piccolo Cristiano in sella a una moto insieme al papà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stupro di gruppo su una 15enne, frase choc del sindaco di Pimonte: “Come lo vogliamo definire? Una bambinata”

prev
Articolo Successivo

Doddore Meloni, morto l’indipendentista sardo dopo 2 mesi di sciopero della fame in carcere

next