Più di 200 militari in azione, 54 persone arrestate. Questi sono i numeri del maxi blitz dei carabinieri del comando provinciale di Catania contro il clan di Cosa nostra del rione San Giovanni Galermo, ritenuto tra i più affidabili e tenuto maggiormente in considerazione dal boss Benedetto Santapaola.

Il gip, su richiesta della Distrettuale antimafia, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 54 persone indagate, a vario titolo, per associazione mafiosa, armi, traffico di stupefacenti, estorsione e rapina. Durante le indagini sono state sequestrate sostanze stupefacenti e accertate le dinamiche del gruppo mafioso anche nella gestione dello spaccio di droga, con un giro da 40mila euro a settimana, oltre fare luce su numerose estorsioni a imprenditori e commercianti.

“Purtroppo gli effetti collaterali negativi della crisi sono anche questi –  commenta il Procuratore della Repubblica a Catania Carmelo Zuccaro nell’incontro i giornalisti – La maggiore fonte di reddito di un intero quartiere è rappresentato dal traffico di sostanze stupefacenti e questo è veramente uno degli aspetti più negativi di questo fenomeno. Significa che noi rischiamo di consegnare in maniera più o meno definitiva alla delinquenza giovani, persone che invece in una situazione di versa potrebbero dare all’economia un contributo ben diverso”.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Totò Riina, Bindi: “Cura e assistenza continue. Ha già una vita dignitosa. E rimane il capo di Cosa Nostra”

next
Articolo Successivo

Mafia, danneggiata la stele in memoria del giudice Livatino ad Agrigento

next