Per Andrea Orlando, Ministro della Giustizia ed esponente di spicco del Pd, che è sceso in Piazza a Roma per ascoltare Giuliano Pisapia e Art.1-Mdp, al termine della manifestazione commenta: “Credo che i contenuti espressi da Piasapia siano compatibili con una costruzione di un ampio schieramento progressista”. Ma subito viene stoppato dagli ex colleghi di partito. E’ Miguel Gotor a dire che: “Orlando ha fatto un congresso nel Pd, lo ha perso, è minoranza di quel partito e non è in grado di rappresentare il Pd, che è un partito che guarda alla destra”. Per Gotor “dopo il 4 dicembre si sono messi in moto due movimenti fondamentali: il M5S che guarda alla Lega Nord ed il Pd che guarda al Berlusconi e Forza Italia“. Renzi – conclude il senatore di Art.1-Mdp non è in grado di essere il leader che unisce il centrosinistra. Sta portando il Pd a sbattere” di Episcopo e Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

TG Porco, Daniela Santanché gradita ospite insieme a Virginia Raggi. Che parla di autobus senza aria condizionata

next
Articolo Successivo

Regione Sicilia, dopo il no di Grasso il Pd scarica Crocetta. Rosato: “Sua esperienza è conclusa”. E Orlando: “Discontinuità”

next