Simone Veil è morta all’età di 89 anni. È stata la prima presidente del Parlamento europeo e ha ricoperto diverse volte l’incarico di ministra del governo di Parigi. In patria, ma non solo, è stata un simbolo. Si fece promotrice nel 1975 della legge che legalizzò l’aborto in Francia. Europeista convinta, attivista ed esponente di rilievo del movimento femminista francese, è stata una figura centrale della politica transalpina per oltre quarant’anni. Di religione ebraica, era stata deportata insieme alla famiglia nel campo di concentramento di Auschwitz: lei e le sorelle sopravvissero alle torture naziste e furono liberate nel 1945. Avrebbe compiuto 90 anni il 13 luglio.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, le ha reso omaggio con un tweet definendo la donna come l’espressione della “Francia migliore” e “possa il suo esempio ispirare i nostri connazionali”. “L’Europa perde una grande donna e una protagonista” della storia dell’Unione. Così il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha ricordato la figura di Simone Veil appena appresa la notizia della sua morte. Veil “ha dato un forte contributo all’unità e al rafforzamento dell’istituzioni democratiche. Il suo insegnamento deve ispirarci e spingerci a fare di più affinché in Europa e nel mondo non ci siano più discriminazioni nei confronti delle donne”. Nata a Nizza nel 1927 con il cognome di Jacob, durante la Seconda guerra mondiale, a 16 anni, era stata deportata ad Auschwitz-Birkenau: sopravvissuta insieme alle due sorelle ai campi da cui non faranno invece ritorno la madre, il padre e il fratello.

Nel 1946 aveva sposato Antoine Veil da cui ha avuto tre figli. Dopo aver smesso di esercitare la professione di avvocato nel 1956 inizia la carriera al ministero della Giustizia e quindi al Consiglio superiore della magistratura. Viene nominata una prima volta ministra della Salute nel 1974, presidente Valery Giscard d’Estaing. E’ poi stata presidente del Parlamento europeo dal 1979 al 1982, ancora ministra della Salute, degli Affari sociali nel governo di Edouard Balladur (1993-95) e poi nel Consiglio costituzionale, dal 1998 al 2007. Veil è stata a lungo leader dell’Unione per la Democrazia Francese, partito liberale centrista che è poi confluito nel 2007 nel Movimento Democratico creato da François Bayrou.

La “cerimonia di esequie ufficiali” per Simone Veil, ha reso noto l’Eliseo, si terrà mercoledì 5 luglio agli Invalides alla presenza del capo dello stato francese Macron che pronuncerà un discorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, Opac: “Usato gas nervino sarin per l’attacco a Khan Sheikhoun”

prev
Articolo Successivo

Aggredisce e schiaffeggia una ragazza musulmana con la pancetta. La scena ripresa con il cellulare da un amico

next