Singolare manifestazione a Napoli per i lavoratori del comparto cimiteriale. Alcune bare sono state disposte davanti l’ingresso di Palazzo San Giacomo in segno di protesta. “Ci stanno seppellendo vivi – spiega uno dei becchini del cimitero di Poggioreale – finirà che dovremmo chiedere i soldi agli utenti per svolgere il servizio”. Sono circa 40 i seppellitori della Multiservice (società che gestisce in appalto le operazioni di seppellitura nel cimitero di Poggioreale), ormai senza stipendio da 5 mesi. “Se non ci ascoltano blocchiamo tutto – spiegano il segretario regionale campano di Uil FPL Annibale De Bisogno e il rappresentate di EFI (Eccellenze Funerarie Italiane) Gennaro Tammaro – le agitazioni che si ripetono nel cimitero di Poggioreale, il terzo più grande d’Italia, vanno a scapito degli utenti che spesso sono costretti ad attendere la fine della manifestazione prima di seppellire un loro caro. Nell’ultima assemblea i parenti del defunto hanno dovuto attendere 4 ore”. I manifestanti chiedono quindi maggiore attenzione da parte del Comune sulla vertenza sindacale legata alla Multiservice e in generale denunciano lo stato in cui sono costretti a lavorare tutti i dipendenti del comparto cimiteriale a Napoli, dove le strutture sono spesso fatiscenti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, sparatoria al comando di polizia locale di San Donato: vigile urbano uccide il superiore in ufficio. Poi si suicida

next
Articolo Successivo

Addio a Nando Broglio, il pompiere che per ore parlò ad Alfredino nel pozzo

next