Non solo Mediaset, che ha archiviato il 2016 con il rosso peggiore della sua storia. Anche Fininvest, holding della famiglia Berlusconi a cui il Biscione fa capo, ha chiuso l’esercizio in perdita per 120 milioni. Pesano, spiega il gruppo, i “gravissimi danni che ha causato il mancato rispetto da parte di Vivendi degli accordi vincolanti raggiunti” su Premium. Per questo, si apprende, quest’anno non saranno distribuiti i dividendi.

La perdita dipende da svalutazioni e accantonamenti fatti a fronte del “progressivo peggioramento della performance dell’area pay-tv”, che i francesi avrebbero dovuto comprare salvo poi tirarsi indietro sostenendo che era stata loro presentata come “una Ferrari” ma di fatto è “una Punto”. Escludendo tutti i costi di natura non ricorrente e le perdite del Milan relative al secondo semestre 2016 il risultato è positivo per 46,9 milioni. La cessione del Milan, rileva Fininvest, nel 2017 evidenzierà poi una plusvalenza a livello consolidato di circa 600 milioni. Gli altri indicatori sono positivi per il gruppo della famiglia Berlusconi: i ricavi consolidati per l’esercizio 2016 sono stati pari a 5 miliardi, in crescita del 6,6% rispetto ai 4,7 del 2015.

Nella nota sul bilancio, approvato giovedì dall’assemblea dei soci, si sottolinea che i risultati vanno necessariamente inquadrati nel contesto di un esercizio “del tutto particolare, visti i significativi eventi straordinari che l’hanno caratterizzato accanto alle importanti scelte strategiche messe in atto durante l’anno”. Se da una parte Vivendi ha condizionato l’andamento economico, dall’altra il gruppo “ha realizzato investimenti di ampia rilevanza strategica, come quelli di Mondadori in Rizzoli Libri e Banzai Media e di Mediaset nel settore radiofonico, mentre in parallelo la capogruppo Fininvest ha posto le premesse per il completamento della cessione del Milan, finalizzata durante l’esercizio in corso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl concorrenza, ok della Camera: torna al Senato per la quarta volta. Sì a regole sugli spot occulti dei web influencer

prev
Articolo Successivo

Unipol, il gruppo si fa la bad bank per gestire 3 miliardi di crediti deteriorati

next