“E’ un brutto periodo per le forze politiche, ma anche per i giornalisti che si esprimono liberamente. Lei ha tutta la mia vicinanza, perché abbiamo saputo oggi che addirittura chiuderanno il suo programma, come hanno cacciato Giletti dalla Rai perché parlava di vitalizi troppo spesso“. Sono le parole del deputato M5S, Luigi Di Maio, intervistato da Gianluigi Paragone nell’ultima puntata de La Gabbia Open (La7), il talk show politico giunto alla sua definitiva chiusura. ” Qui si vuole annientare tutta quella parte di Paese che prova a dimostrare dissenso verso governi” – aggiunge Di Maio – “E i governi che si sono susseguiti in questi anni hanno governato solo per le grandi lobby di questo Paese”. Nel finale della trasmissione, è Paragone ad annunciare la notizia: “Il mio applauso va alla redazione, a chi ha lavorato con questa produzione, ai produttori. Ringrazio il regista, gli operatori, chi da casa ci ha seguito, l’editore. Ringrazio anche il nuovo direttore, Andrea Salerno, anche se La Gabbia non rientra più nei suoi piani editoriali. Va bene così”. E chiosa: “Ci salutiamo. La Gabbia termina qui, nel senso che chiude qui i battenti. Ha vinto il ciaone e con questo ciaone ci salutiamo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Cacciari vs Richetti: “Il Paese va meglio con Renzi e Gentiloni? Smettetela di dire palle”

prev
Articolo Successivo

Banche venete, Di Battista (M5S): “Ogni sei mesi ne salviamo una… Dovevano essere nazionalizzate”

next