Volevano occupare piazza San Marco a Venezia a bordo di un Tanko, un carrarmato che realizzarono in un capannone nel Padovano. Un progetto sventato con un blitz nel 2014 che oggi ha portato al rinvio a giudizio di tutti i 48 secessionisti lombardo veneti coinvolti, nonostante il pm Carlo Nocerino avesse chiesto 13 proscioglimenti. Il processo inizierà il 31 ottobre davanti alla Corte d’Assise di Brescia. I giudici hanno derubricato il reato da associazione con finalità di terrorismo e eversione dell’ordine democratico ad associazione sovversiva.

“Questa decisione è una vergogna. Viene voglia di scappare in Uzbekistan” ha detto l’ex leader dei Forconi Lucio Chiavegato, che è tra i 48 che andranno a processo il prossimo 31 ottobre e che su Facebook ha pubblicato un post con la scritta: “La legge è uguale per tutti?”. Oltre a lui, tra i rinviati a giudizio ci sono anche l’ex sottosegretario nel primo governo Berlusconi Franco Rocchetta e Flavio Contin, già tra i protagonisti dell’occupazione del campanile di San Marco nel 1997 e che erano stati arrestati nel 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo, Sala indagato anche per turbativa d’asta: “Vado avanti, ho molto lavoro da fare. Sarò concentrato sui miei doveri”

prev
Articolo Successivo

Consip, Scafarto interrogato a Roma dopo la mail all’uomo dei servizi: si è avvalso della facoltà di non rispondere

next