Volevano occupare piazza San Marco a Venezia a bordo di un Tanko, un carrarmato che realizzarono in un capannone nel Padovano. Un progetto sventato con un blitz nel 2014 che oggi ha portato al rinvio a giudizio di tutti i 48 secessionisti lombardo veneti coinvolti, nonostante il pm Carlo Nocerino avesse chiesto 13 proscioglimenti. Il processo inizierà il 31 ottobre davanti alla Corte d’Assise di Brescia. I giudici hanno derubricato il reato da associazione con finalità di terrorismo e eversione dell’ordine democratico ad associazione sovversiva.

“Questa decisione è una vergogna. Viene voglia di scappare in Uzbekistan” ha detto l’ex leader dei Forconi Lucio Chiavegato, che è tra i 48 che andranno a processo il prossimo 31 ottobre e che su Facebook ha pubblicato un post con la scritta: “La legge è uguale per tutti?”. Oltre a lui, tra i rinviati a giudizio ci sono anche l’ex sottosegretario nel primo governo Berlusconi Franco Rocchetta e Flavio Contin, già tra i protagonisti dell’occupazione del campanile di San Marco nel 1997 e che erano stati arrestati nel 2014.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo, Sala indagato anche per turbativa d’asta: “Vado avanti, ho molto lavoro da fare. Sarò concentrato sui miei doveri”

next
Articolo Successivo

Consip, Scafarto interrogato a Roma dopo la mail all’uomo dei servizi: si è avvalso della facoltà di non rispondere

next