L’Fbi ha aperto una inchiesta per terrorismo sull’aggressione, con un coltello, dell’agente di polizia Jeff Neville avvenuta ieri mattina all’aeroporto internazionale Bishop di Flint, nello stato del Michigan (Usa). Il portavoce del Bureau a Detroit, l’agente speciale David Gelios, ha parlato di un “incidente isolato”. Il presunto assalitore è stato fermato ed è stato identificato come Amor M. Ftouhi, residente nel Quebec con doppia cittadinanza canadese e tunisina, 50 anni: era entrato legalmente negli Stati Uniti venerdì dal confine in corrispondenza del lago Champlain, nello stato di New York, e si è poi recato a Flint. L’agente di polizia, colpito al collo, è in condizioni stabili dopo aver subito un intervento chirurgico. L’assalitore ha urlato “Allah Akbar” avvicinandosi all’agente, e poi “avete ucciso persone in Siria, Iraq e Afghanistan e moriremo tutti” ed è stato bloccato da quattro persone.

La polizia canadese ha compiuto un raid in un appartamento nella zona ad est di Montreal dove si trova l’appartamento in cui viveva l’uomo: almeno tre persone sono state arrestate e interrogate.

Una volta bloccato – raccontano gli investigatori – Ftouhi avrebbe chiesto agli agenti perché non lo uccidessero. Sul profilo Facebook dell’uomo si legge che Ftouhi ha lavorato per una compagnia di assicurazioni canadese e ha studiato all’università frequentando la facoltà di Scienze umanistiche e sociali a Tunisi e poi un college in Quebec. Sul social media risultano solo tre amici con cui condivide post in arabo. Prima dell’attacco, l’uomo si sarebbe fermato in uno dei ristoranti dell’aeroporto e poi avrebbe lasciato in un bagno le un borsone e uno zainetto che aveva con sé, uscendo con in mano solo il coltello dell’aggressione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, Merkel guarda alla ‘Giamaica tedesca’ per le elezioni del Bundestag: Schulz in calo, ecco Liberali e Verdi

prev
Articolo Successivo

Rebecca Burger morta, blogger francese uccisa dall’esplosione di una bomboletta difettosa di panna spray

next