Ieri, a Otto e mezzo, Don Vittorio Zucconi ha detto ai fedeli che Di Maio si ispira a Berlinguer, Almirante e la Dc. Accidenti, ho pensato: Di Maio si è fumato il cervello. Solo un demente potrebbe dire una cosa così. Ho cercato in rete. Tutti confermavano quanto dispensato dal reverendo Zucconi. Repubblica arrivava a sintetizzare: “Noi gli eredi di Berlinguer, Almirante e i democristiani”. Altrove trovavo sintesi analoghe di quanto detto da Di Maio a Porta a porta (la puntata si registra sempre al pomeriggio): i 5 Stelle si “ispirano” a Berlinguer e Almirante, anzi sono i “portatori delle loro idee”, anzi ne sono persino gli “eredi”. Sticazzi.

In realtà, Di Maio non ha detto questo, ma una frase molto più banale e (purtroppo o per fortuna non so dirvi) inattaccabile: dentro il M5S c’è chi porta avanti i valori di Berlinguer, chi quelli di Almirante e chi quelli della Dc. Per carità: magari è persino peggio, messa così. Ma è quel che ha detto, giustamente incalzato da Bruno Vespa, che se volesse – ma vuole solo con alcuni – saprebbe fare benissimo le interviste. Mettere in bocca al politico sgradito quel che mai ha detto, per esporlo al pubblico ludibrio e magari far passare per contrasto Renzi come “unica soluzione”, è ormai un vezzo antico. In Italia funziona spesso così.

Resta, però, il tema di fondo: si può, nella stessa forza politica, portare avanti i valori di Berlinguer e di Almirante? Sarebbe come dire al cameriere: “Sono vegetariano, mi dia una bistecca, grazie”. Oppure essere musicisti e ispirarsi a Jimi Hendrix, Beethoven e Wilma Goich. Come minimo ti ricovererebbero alla neuro. Giustamente. I 5 Stelle, da sempre, cercano di pescare tanto di qua e di là. Ed è vero che raccolgono tanto gli ex comunisti quanto gli ex fascisti (molto meno gli ex democristiani). È legittimo voler essere trasversali e post-ideologici. Magari porta pure più voti, alla breve e media distanza.

Ci sono però tre rischi. Il primo è quello della coperta corta: ti copri da una parte, ma ti scopri dall’altra. Il secondo è quello di creare la labirintite negli elettori, smarriti tra i “sì” a testamento biologico e stepchild adoption e i “no” a Ius soli e Ius culturae. Il terzo è di fare la fine dell’asino di Buridano. Per chi non lo conosce: è il cosiddetto paradosso dell’asino, attribuito a Giovanni Buridano anche se con ogni probabilità non è suo. Funziona così: un asino affamato e assetato è accovacciato esattamente tra due mucchi di fieno e due secchi d’acqua, ma non c’è niente che lo determini ad andare da una parte piuttosto che dall’altra. Perciò, l’asino resta fermo. E muore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consip, Gotor (Mdp): “Vicenda del potere renziano ‘a km zero’ con squadra e compasso toscano”

next
Articolo Successivo

Consip, Bianconi: “Una cosa all’italiana, fatta per imbrogliare meglio”. E fa una battuta su Di Maio e Di Battista

next