Austin Jones ha 23 anni e di professione fa lo Youtuber, ovvero la star del web. E’ lì che il ragazzo pubblica video nei quali canta cover davanti a uno sterminato pubblico di ragazzine.  Una carriera in ascesa, la sua, come quella di tanti altri colleghi diventati “famosi” proprio nello stesso modo. Eppure nella storia di Austin c’è qualcosa di diverso rispetto alle altre: già nel 2015, infatti, secondo quanto riportato da Billboard, alcune ragazzine lo accusavano di aver fatto loro richieste strane, come quella di mandare un video mentre facevano “twerking”. Lo stesso Austin, al tempo, fu costretto a intervenire ammettendo le sue colpe e chiedendo scusa.

A distanza di due anni la storia si ripete. Due settimane fa, Austin è stato arrestato mentre si trovava all’aeroporto di Chicago. L’accusa è quella di aver manipolato due ragazzine di 14 anni spingendole a girare dei filmati pornografici. Stando a quanto riportato dal Chicago Tribune, il cantante avrebbe chiesto a una delle due ragazze (entrambe conosciute su Facebook) di ballare in modo sexy mentre “diceva la sua età”. Le richieste si sarebbero fatte sempre più insistenti fino a che la ragazza si è ritrovata a mandare video dove compariva nuda dalla vita in giù. Storia simile anche con l’altra 14enne. Ora gli account social di Jones sono stati chiusi dalla Homeland Security con l’accusa di aver prodotto materiale di pornografia minorile.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Al Bano e Loredana Lecciso, matrimonio in gran segreto?

next
Articolo Successivo

Rieccola, Malena torna dall’Isola e mostra le curve ritrovate. Poi saluta con un’imitazione…

next