Questa sera a Legnano, comune in provincia di Milano, si è svolto l’ultimo giorno di campagna elettorale in vista delle comunali di domenica. A sostenere il candidato del movimento cinque stelle era presente il deputato Manlio Di Stefano che ha detto la sua sul caos di giovedì in parlamento, chiamato a votare gli emendamenti alla legge elettorale. “I cittadini devono sapere che la legge è crollata per un accordo del Pd con l’Svp, un partito che non è rappresentativo in Italia su un emendamento che chiedeva di estendere la legge elettorale anche al Trentino che fino a prova contraria è Italia. Per il Pd questo accordo era più importante della legge elettorale”. Poi si sofferma sul caso dell’errore tecnico in fase di votazione (guarda il video). “La Boldrini è stata una vigliacca perché aveva annunciato il voto segreto, ma il regolamento dice che la presidente deve dire “apro con voto a scrutinio segreto”. Quindi è lei che ha sbagliato. Ma a parte l’errore tecnico il dato che emerge è che il Pd ha affossato la legge, quindi hanno avuto almeno una cinquantina di franchi tiratori”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Orlando respinge le accuse: “Noi franchi tiratori? Cretinata totale. Non prendiamo lezioni, le diamo”

next
Articolo Successivo

Moby Prince, la commissione d’inchiesta cancella due inchieste e un processo: “La nebbia non può essere la causa”

next