Dopo la prima giornata di votazioni sulla legge elettorale alla Camera, l’accordo a quattro tra Pd, M5S , Forza Italia e Lega Nord vacilla. “Domani proveremo ad inserire voto disgiunto e preferenze – afferma Alessandro Di Battista – emendamenti che sono migliorativi del testo base che noi abbiamo votato in Commissione”. “Se passano questi emendamenti, l’accordo è morto” dichiara lasciando la Camera dei Deputati, Emanuele Fiano, deputato dem e relatore della legge elettorale, che aggiunge: “Non si può cambiare il testo all’ultimo momento”. “Il punto è che il M5S è inaffidabile ed è evidente che sulla legge elettorale ci stanno riflettendo i loro capi, anche perché qui dentro mi sembrano tutti teleguidati”. Questo il commento lapidario di Gennaro Migliore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Rizzetto vs Fico: “Su preferenze tradimento valori M5S”. “No morale da chi cambia casacca”

next
Articolo Successivo

Elezioni, la provocazione di Grillo: “A cosa serve votare? Non ci va più nessuno. Tanto vale fare a sorteggio”

next