“Thickanna is a movement, Thickanna is life”. Lo scrive su Twitter Ashley, fan di Rihanna, per rispondere alle numerose critiche che, negli ultimi giorni, hanno attaccato la cantante apparsa non in perfetta forma fisica. Jeans troppo tirati, giacche troppo lunghe e gonne larghe sui fianchi come a voler nascondere qualcosa: le nuove rotondità della cantante – soprattutto gambe e punto vita – non sono passate inosservate e in molti non hanno esitato a rendere pubblica la propria opinione – spesso poco tollerante – nei profili social della pop star, seguita da 73 milioni di utenti solo su Twitter.

“Al ristorante il sushi arrivava a fiumi – riportano i siti americani – e lei rideva e mangiava, rideva e mangiava”. “Sembra incinta” twittano altri. Ma tra tutti spicca il commento di un giornalista del sito Barstool Sports, il primo della lunga lista di “haters”: sua l’idea che la cantante stia “abusando del servizio in camera”. “Vedrete che farà diventare la ciccia l’ultima tendenza” commenta sarcasticamente. E dagli altrettanti numerosi commenti solidali sembrerebbe che l’azzardata ipotesi del giornalista – che poi ha rimosso il cinguettio – non sia priva di fondamento: l’hastag #Thickanna – vale a dire Rihanna la “piena” – ha cominciato a rimbalzare sui social, con le fan tutte dalla sua parte. “Benedette le curve”, “Sei più bella di prima”, “vivi come vuoi”, “dopo essere ingrassata, avevo perso fiducia in me stessa. Adesso grazie a te, mi rivedo sexy” tra i numerosi commenti. Che sia in atto la rivoluzione “curvy”?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bahrami e Rea insieme per Bach: sorpresa, il contrappunto si può jazzare. “La nostra? Sfida unica nella storia”

prev
Articolo Successivo

One Love Manchester, Noel Gallagher dà forfait. E Liam lo attacca: “Siamo delusi”

next