Miglior attrice di Un Certain Regard per Fortunata. Così il verdetto appena arrivato da Cannes sulla vittoria – meritata – della nostra Jasmine Trinca, intensa e sensibile protagonista assoluta del nuovo film di Sergio Castellitto (già nelle sale italiane) che appunto concorreva nella sezione del secondo concorso cannense. Una vera soddisfazione per l’interprete romana che si è cimentata in un ruolo molto distante sia dai precedenti che dalla propria natura. Il suo personaggio, omonimo al titolo del film, è una giovane parrucchiera ragazza madre, che deve combattere quotidianamente nella periferia profonda di Roma per sostenere se stessa, la figlia e combattere contro i soprusi dell’ex marito violento. Un film quello di Castellitto che ha raccolto diversi consensi dopo la proiezione di Cannes: evidentemente anche la giuria guidata da Uma Thurman ha ritenuto fosse la migliore delle attrici presenti nella sezione. Un vero trionfo per Jasmine, indimenticabile ragazzina lanciata da Nanni Moretti nel suo La stanza del figlio, vincitore della Palma d’oro nel 2001.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cannes 2017, chiude Polanski che non riesce a stupire con il suo D’après una histoire vraie. Chi vincerà questa “edizione flop”? Il “toto-palma”

prev
Articolo Successivo

Cannes, Jasmine Trinca migliore attrice in Fortunata: “Dedico il premio a mia madre e a mia figlia”

next