Duplice omicidio a Giugliano nel Napoletano. Vincenzo Staterini, 50 anni, e il figlio Emanuele, 29 anni, entrambi pregiudicati per associazione a delinquere di stampo camorristico ed altri reati, sono stati freddati a colpi di pistola all’interno di una tabaccheria in corso Campana, a pochi metri dal Municipio.

I due, secondo quanto ricostruito dalla Polizia sono stati raggiunti nel locale di Corso Campano dove stavano giocando alle slot-machine, da due sicari che hanno aperto il fuoco, uccidendo entrambi.

La dinamica dell’accaduto fa pensare a un agguato. La Polizia sta ricostruendo i rapporti delle due vittime, che erano originarie del Rione Sanità, con famiglie camorristiche.

Vincenzo Staterini, ritenuto un sicario del clan Tolomelli-Vastarella, aveva partecipato il 1 luglio 1999 ad una spedizione contro i rivali del clan Misso in via Fontanelle, nel Rione Sanità. Nella sparatoria rimase ucciso un affiliato al clan Misso ed altri tre rimasero feriti. I Carabinieri identificarono uno dei componenti del gruppo di fuoco dei Tolomelli-Vastarella in Vincenzo Staterini.

Il 13 febbraio 2000 Vincenzo Staterini, che era ricercato per associazione per delinquere di stampo camorristico, omicidio, tentato omicidio, e possesso di armi fu arrestato dai Carabinieri in un appartamento a Giugliano dove si nascondeva.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Segrate, spara alla moglie e poi tenta il suicidio: entrambi gravissimi in ospedale

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, ucciso ex carabiniere che gestiva una tabaccheria: “Modalità mafiose”. Era sopravvissuto ad agguato

next