Qualche considerazione sulla telefonata tra Renzino e Renzone.

1. Faccio molta, molta, molta fatica a credere che Renzino non sapesse che Renzone fosse intercettato. Era evidente. E’ vero che Renzino non è esattamente Einstein, ma se non avesse saputo una cosa così ovvia sarebbe stato davvero a livelli ninamorici.

2. Renzino (si fa per dire) avrebbe quindi recitato la parte del figliol prodigo, a favor telecamera, media e magistratura. Purtroppo, non essendo Einstein ma solo Renzino, è riuscito a sbagliare anche qui. Per esempio consigliando a Renzone di non citare la mamma, altrimenti poi interrogavano pure lei. Non gliene riesce proprio una, poveretto.

3. Il Renzino che parla al telefono a Renzone è diametralmente opposto a quello che parlava (e parla) in pubblico del caso Consip. Quello privato mostra di sapere tante cose, di dare ragione a Romeo, di essere più d’accordo col Noe (crivellato nelle dichiarazioni pubbliche) che  con Renzone. E’ questo il punto: ci dica qual è quello vero. E lo dica anche a se stesso, altrimenti siamo allo sdoppiamento della personalità.

4. Renzino, oltre a intimare a Renzone di non nominare la moglie/madre invano, cita “Luca” (Lotti?) e allude a un secondo incontro con Romeo, dando per scontato che ci sia stato il famoso primo incontro “nella bettola” (più probabilmente un bar). Su questo, e non solo su questo, Renzino deve chiarire. Ma ovviamente non lo farà. E nessuno, o quasi, glielo rinfaccerà. Se invece lo avesse fatto Berlusconi, i Lerner & Zucconi avrebbero per protesta fatto brillare tutti i loro Rolex. Canticchiando nel frattempo L’Internazionale.

Consip, qualche considerazione sulla telefonata tra Renzino e Renzone

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consip, contro Renzi violenza mediatica intollerabile – La risposta di Gomez

next
Articolo Successivo

Legittima difesa, la legge della Regione Veneto che sfida Roma: non è punibile chi spara e uccide i ladri nei pressi di casa

next