A poche ore dalla pubblicazione della telefonata tra Matteo Renzi e il padre Tiziano, intercettata nell’ambito dell’inchiesta Consip, il Movimento 5 stelle attacca l’ex premier e parla di una “gestione familistica del potere“. È il “minimo sindacale”, dice Roberto Fico, che Renzi “dica al padre di dire la verità, ma quali bugie poteva dire Tiziano Renzi ai magistrati? E poi rimangono delle questioni senza risposta: cioè quando Matteo Renzi ha saputo dell’inchiesta Consip?” si chiede il capogruppo M5s a Montecitorio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, Romano (Pd): “Intercettazioni? Non c’era notizia. Fatto Quotidiano mette in discussione stato di diritto”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi presenta studio su funivia Casalotti: “Vorremmo farla entro la fine di questo mandato”

next