La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio di Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, ex presidente ed ex ad di Mps e di Paolo Salvadori, ex presidente del collegio sindacale dell’istituto, accusati di falso in bilancio e aggiotaggio. Si tratta di un passaggio obbligato dopo che lo scorso 21 aprile il gip Livio Cristofano ha respinto l’istanza di archiviazione della loro posizione e ha disposto l’imputazione coatta. I pm Stefano Civardi, Giordano Baggio e Mauro Clerici hanno dunque inviato all’ufficio del gip la richiesta di processo per i tre manager, tra cui il futuro amministratore delegato di Leonardo.

Precedentemente, nel settembre 2016, i pm di Milano avevano chiesto l’archiviazione per Viola, Profumo e altre nove persone nell’ambito dell’inchiesta per la presunta rappresentazione non corretta dei derivati Alexandria e Santorini nei bilanci dal 2011 al 2014. Sostenevano infatti che Viola, ora ad della Popolare di Vicenza, e Profumo, vista la rideterminazione dei valori di bilancio da loro effettuata e la scoperta dei vari trucchi che sarebbero stati adottati da chi li ha preceduti per abbellirlo e nascondere buchi, avrebbero agito senza l’intenzione di falsificare i bilanci o occultare le perdite. Ma i piccoli azionisti, che con i loro esposti avevano dato vita all’inchiesta, e l’associazione di consumatori Codacons avevano presentato opposizione all’archiviazione.

Per gli altri otto indagati, fra i quali anche i precedenti ex vertici di Mps Giuseppe Mussari e Antonio Vigni (già a processo per altri reati) il gip aveva disposto l’archiviazione. Ora sulla richiesta di rinvio a giudizio presentata dai pm si dovrà esprimere un nuovo giudice nell’ambito di una udienza preliminare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovrina, gli emendamenti: stop a monete da 1-2 centesimi, lotta a evasione bollo auto. No Iva agevolata sui pannolini

next
Articolo Successivo

Pil, Istat: “Nel primo trimestre 2017 è cresciuto dello 0,2%. In Germania +0,6%, in Francia e Gran Bretagna +0,3”

next