Gli agenti di polizia sono entrati nella hall della Gare du Nord a Parigi poco dopo le 23 e 15 e hanno fatto allontanare tutte le persone presenti nella hall. Quindi hanno iniziato le perquisizioni del Tgv proveniente da Valenciennes, a nord della Capitale e hanno bloccato i passeggeri dentro i vagoni in attesa di fare le verifiche necessarie. L’imponente operazione di polizia, secondo le prime informazioni, aveva come obiettivo tre sospetti, ritenuti “pericolosi” che negli ultimi giorni sono stati avvistati tra Parigi, Bourdeaux e Marsiglia. Soggetti con la “fiche S”, insomma: tra questi anche Tarik Jadaoun, della cellula jihadista belga di Verviers. Alla Gare du Nord sono intervenuti anche due veicoli della Bri, la Brigade de recherche et intervention, corpo speciale con funzioni giudiziarie e di intervento sul territorio. L’isolamento della Gare du Nord è durato fino alle 2.30 del mattino, quando i passeggeri rimasti sul treno hanno potuto recuperare i bagagli e lasciare la stazione. I tre sospetti non sono stati individuati. 

“Abbiamo subito capito che stava succedendo qualcosa di grosso”, ha raccontato a ilfattoquotidiano.it uno dei testimoni presente sul Tgv da Valenciennes. “All’improvviso hanno bloccato tutte le uscite del Tgv e siamo rimasti per lungo tempo in attesa che finissero le perquisizioni. Poi ci hanno fatto allontanare in attesa di poter tornare a prendere le valigie. Una borsa non è stata recuperata da nessuno, ma non so dire di chi fosse”. La signora Vanessa invece, 42 anni e mamma di due figli di 8 e 11 anni, alle 23.15 era appena arrivata nella hall per aspettare i due bambini di ritorno con il treno di Londra: “Non ho fatto in tempo a entrare”, ha spiegato, “che gli agenti mi hanno chiesto di andarmene. Ma io ho detto che senza i miei bambini non avrei lasciato la stazione. Poi grazie a un’altra mamma che era arrivata prima di me, ho potuto riabbracciarli. Erano molto spaventati e hanno pensato subito fosse stato un attentato. Sono molto sensibili dopo tutto quello che succede in questa città”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parigi. Sindacati, studenti e sinistra subito in piazza per avvertire Macron: “Non tocchi il lavoro”. Tensioni con polizia

prev
Articolo Successivo

Francia, l’ex premier socialista Valls: “Mi candido con Macron”. Ma En Marche lo gela: “Non automatico che sia in lista”

next