/ di

Martina Castigliani Martina Castigliani

Martina Castigliani

Giornalista

Giornalista a ilfattoquotidiano.it. Nata all’ombra del fiume Po, sono fuggita dalla pianura estrema poco prima di innamorarmene. Tutto è iniziato alla Gazzetta di Reggio, corrispondente da Guastalla: doveva essere il lavoretto per arrotondare e non sono ancora guarita. A un certo punto qualcuno mi ha detto che il futuro era solo all’estero e così è partito il mio giro per tornare a casa: da Bologna a Maastricht (la città e non il trattato) passando per Istanbul fino a Parigi dove mi sono laureata all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales in cose in cui c’entrava sempre la politica. Ho avuto più biciclette che case e in ogni lingua “in cui ho vissuto” ho difeso l’accento emiliano con spirito di resistenza all’invasore straniero. In una delle piovose estati francesi ho lavorato per la Maison des journalistes, una casa che accoglie i giornalisti esiliati che provengono da tutto il mondo: hanno perso tutto, ma il pomeriggio si trovano per scrivere un pezzo. Un giorno uno di loro mi ha chiesto io da cosa stessi scappando. E così ho deciso di tornare.

Articoli di Martina Castigliani

Diritti - 29 novembre 2017

Premio Solesin a tesi su donne e lavoro, la madre: “Così si ricorda una ricercatrice. Ora una giornata europea per le vittime del terrorismo”

Come Valeria Solesin studiano il rapporto tra le donne e il mondo del lavoro, dalle discriminazioni alla maternità. Come Valeria Solesin lottano perché le loro ricerche siano riconosciute e trovino spazio nel dibattito italiano. Tremava la voce ai dieci vincitori della prima edizione del premio intitolato alla ricercatrice veneziana che, nel 2015, ha perso la […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia – Quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto. Le 40 storie di donne tra rabbia e senso di colpa

Maria Laura è una mamma precaria e ha tre figli. Lavora in ospedale e una mattina all’alba viene bloccata tra il muro e la fotocopiatrice da un collega. Quando scrive, ricorda le mani sul collo e la lingua che cercava di entrare nella sua bocca serrata. Lo ha detto a qualcuno, ma poi ha pensato […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia, quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto – Le storie delle attrici

Il provino a casa del regista che si masturba tenendo fermi i polsi dell’attrice che cerca di divincolarsi. Laura era stata ripresa dall’agente perché troppo diffidente, perché non voleva stare da sola con quell’uomo. Aveva ragione. Le storie raccolte da ilfattoquotidiano.it sul mondo dello spettacolo, le testimonianze arrivate alla casella tiraccontolamia@ilfattoquotidiano.ti, raccontano dinamiche che negli […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia, quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto – Le storie delle dipendenti d’azienda

La vita in azienda è fatta di gerarchie e di condivisioni, quotidiane. Tra le storie arrivate alla casella del Fatto tiraccontolamia@ilfattoquotidiano.it ci sono anche quelle di dipendenti che si trovano lentamente a dover accettare le attenzioni di superiori. Che poi si trasformano in altro. Caterina non entra nei dettagli, perché lei ha deciso di denunciare […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia, quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto – Le storie delle giornaliste

Il caporedattore che prende la mano di Marianna mentre parla del suo prossimo servizio per farle capire “quanto spazio potrà avere sul giornale”. Le storie arrivate alla casella mail tiraccontolamia@ilfattoquotidiano.it per denunciare molestie e abusi di potere sul posto di lavoro, riguardano anche e naturalmente il mondo del giornalismo. Che, come già emerso negli anni, […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia, quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto – Le storie delle dipendenti pubbliche

Il posto fisso nel pubblico come garanzia e prigione al posto stesso. Quello agognato da Chiara tutta una vita, ma che poi diventa una gabbia. Perché da una parte c’è chi si sente protetto e intoccabile e dall’altra chi non vuole perdere tutto per colpa di un’ingiustizia. Tra le storie che sono arrivate alla casella […]
Diritti - 23 novembre 2017

Ti racconto la mia, quando l’occasione di lavoro diventa un ricatto – Le storie di chi è precario

Se sei carina con il capo ti compra la casa e non dovrai più pagare l’affitto. Se ti comporti bene, se fai compagnia al tuo dirigente, ti fa il contratto a tempo indeterminato. Se vai a letto con il responsabile d’area, il tuo periodo di prova sarà prorogato. La maggior parte dei racconti di ricatti […]
Cultura - 18 novembre 2017

“C’è un posto speciale all’inferno per le donne che non si aiutano”. Dalla Clinton a Simone Biles alla Boldrini: storie di cattive ragazze in lotta

C’è una frase a cui Tiziana Ferrario è più affezionata delle altre e che nel suo ultimo libro, “Orgoglio e pregiudizi, il risveglio delle donne ai tempi di Trump” (Chiarelettere) ripete due volte: “C’è un posto speciale all’inferno per le donne che non aiutano le altre donne”. Ci è più affezionata, o forse solo salta […]
Politica - 7 novembre 2017

“Noi siamo l’unica alternativa al ritorno di Berlusconi”. Così alle Politiche M5s cercherà l’effetto Sicilia

C’è la delusione. Perché davvero giocavano per vincere, perché quando hanno visto Beppe Grillo e Davide Casaleggio scendere in Sicilia come per le grandi occasioni pensavano che fosse quasi fatta. C’è l’amarezza. Per l’astensione, ancora così forte. Perché la campagna elettorale è stata lunga, ma le piazze calde sembravano dire il contrario. Ma non solo. […]
Diritti - 25 settembre 2017

Italia 5 stelle, tra gli stand anche lo striscione per i diritti gay: “Se M5s al governo si approverà la stepchild adoption”

Uno striscione bianco con a fianco l’arcobaleno e il logo del Movimento 5 stelle (la versione delle origini con pure il nome di Beppe Grillo) e la scritta: “Stesso amore e stessi diritti”. Tra gli stand di Italia 5 stelle, la manifestazione che dà il via ufficiale alla campagna elettorale del Movimento, c’è anche un […]
Manovra, tutte le incognite del fondo per chi assiste familiari disabili gravi: criteri di spartizione lasciati al prossimo governo
Biotestamento, aspettando la legge (ferma da 2015 giorni) Severino Mingroni, muto e tetraplegico, firma col capo

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×