Alcuni turisti, mentre visitavano il parco nazionale Addo Elephant in Sudafrica, hanno ripreso una scena penosa. Un grosso elefante maschio, intento ad inseguire un’elefantessa, si è trovato davanti un cucciolo, il quale è stato sollevato e brutalmente scaraventato per terra. Due elefantesse hanno cercato di difendere il piccolo dagli attacchi del grosso maschio, ma la scena si è ripetuta. Il filmato, ripreso dal fotografo Lloyd Carter, è davvero molto raro, perché non si è mai vista una scena di violenza in un gruppo di elefanti. Gli esperti hanno sostenuto che il grosso elefante era sessualmente frustrato per il rifiuto da parte della femmina di accoppiarsi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quando l’entusiasmo gioca brutti scherzi: la corsa del cane verso la spiaggia si trasforma in una comica

prev
Articolo Successivo

Sorpresa: c’è una capra a spasso per Roma. L’incontro con un tassista in Largo Argentina

next