Mentre i dati sull’affluenza alle primarie Pd segnano un netto calo anche a Bologna, siamo andati a parlare con iscritti ed elettori in tre quartieri diversi della città. C’è la Bolognina, zona popolare e di sinistra della città, dove il partito negli ultimi anni ha perso qualche migliaio di voti, ma dove l’attivismo di molti compagni è ancora vivo. Nel quartiere Santo Stefano, zona Galvani, dove vota Romano Prodi, c’è invece la parte borghese della città. Qui il partito ha tenuto in questi anni in termini elettorali, ma c’è chi mette in guardia il futuro segretario: il partito non può lasciar perdere le zone popolari. Infine siamo andati sui Colli, la zona delle ville, storicamente a destra. Qui il Pd è sempre stato minoranza, ma in epoca renziana ha avuto dei buoni risultati elettorali, culminati con il 60% raggiunto dal Sì al referendum costituzionale voluto proprio da Renzi, mentre nel quartiere popolare della Bolognina prevalsero i No

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, Si lancia voto su facebook ma lo perde. Ironia sui social: “Finalmente la sinistra fa la sinistra”

prev
Articolo Successivo

Primarie Pd, la figlia di Renzi al padre che le offre di imbucare la scheda: “No, il voto è il tuo mica il mio”

next