Mentre i dati sull’affluenza alle primarie Pd segnano un netto calo anche a Bologna, siamo andati a parlare con iscritti ed elettori in tre quartieri diversi della città. C’è la Bolognina, zona popolare e di sinistra della città, dove il partito negli ultimi anni ha perso qualche migliaio di voti, ma dove l’attivismo di molti compagni è ancora vivo. Nel quartiere Santo Stefano, zona Galvani, dove vota Romano Prodi, c’è invece la parte borghese della città. Qui il partito ha tenuto in questi anni in termini elettorali, ma c’è chi mette in guardia il futuro segretario: il partito non può lasciar perdere le zone popolari. Infine siamo andati sui Colli, la zona delle ville, storicamente a destra. Qui il Pd è sempre stato minoranza, ma in epoca renziana ha avuto dei buoni risultati elettorali, culminati con il 60% raggiunto dal Sì al referendum costituzionale voluto proprio da Renzi, mentre nel quartiere popolare della Bolognina prevalsero i No

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, Si lancia voto su facebook ma lo perde. Ironia sui social: “Finalmente la sinistra fa la sinistra”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, la figlia di Renzi al padre che le offre di imbucare la scheda: “No, il voto è il tuo mica il mio”

next