A volte non arriva neppure l’attestato di partecipazione ai corsi di formazione. “Non vale neanche ad arricchire il curriculum”
Marco, 21enne di Matera, racconta che la sua procedura è ancora in stand-by. “Sono in attesa da più di un anno: i responsabili del programma mi dicono che devono ancora arrivare i fondi per finanziare i tirocini”. Frustrante? “Senz’altro. Ma a chi ha fatto i corsi e poi non ha ricevuto nulla, forse è andata anche peggio”. È il caso di Gabriel, ragazzo potentino di 22 anni con un diploma in tasca e “una voglia infinita di farcela”. Da marzo a maggio del 2016, Gabriel ha frequentato un corso di formazione professionale come operatore socio-assistenziale: “Quello è il settore in cui vorrei trovare un lavoro. Speravo che Garanzia Giovani potesse aiutarmi”. E invece? “E invece ho frequentato 100 ore di corso, alcune anche con attività in un centro per anziani e disabili, che sarebbero dovute essere poi retribuite. A distanza di un anno, non ho ricevuto né i soldi né tantomeno l’attestato di partecipazione che, se non altro, mi permetterebbe di arricchire il mio curriculum”.

INDIETRO

Garanzia Giovani, le storie: “Mi hanno pagato dopo un anno”. “È stato un incubo”. “In attesa di risposte da mesi”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Garanzia Giovani verso la fase 2: tra incertezza sui fondi, incognite sui tempi e disservizi si rischia di nuovo il caos

prev
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: “A febbraio disoccupazione giù a 11,5% e quella giovanile è calata al 35,2%. Ma aumentano gli inattivi”

next