La lunga trafila burocratica tra Inps, Regioni, centri per l’impiego. “È una via crucis. Basta un intoppo e si blocca tutto”
“È una via crucis fatta di file chilometriche tra centro per l’impiego, Inps, Poste, Regione. Il progetto vede troppi enti coinvolti: basta che un ingranaggio della catena si inceppi e tutto si blocca”. Silvia ha 28 anni e vive a Rimini, dove ha cominciato un tirocinio nel luglio del 2015, dopo vari tentativi andati a vuoto. “Ogni mese compilavo le schede con le presenze e le mandavo all’ente di approvazione regionale. I soldi non arrivavano mai ma mi veniva detto di stare tranquilla. Se non fosse che a gennaio 2016 ho concluso il tirocinio: non avendo ancora visto l’ombra di un euro, dopo un mese chiedo informazioni. La responsabile dell’agenzia a cui mi ero rivolta mi dice che per una qualche anomalia il mio tirocinio non era mai stato approvato in Regione”. E così Silvia si ritrova a dover rispedire tutte le pratiche. “Cercavo un numero di telefono a cui chiedere informazioni: non c’era”. Che fare? “Disperata, una mattina mi sono messa davanti al Pc e ho inviato la stessa mail di chiarimento per ore, una ogni dieci minuti. Il giorno dopo mi hanno finalmente risposto. A marzo 2016 mi arriva un pagamento in tranche unica: ma dei 1500 euro che mi spettavano, a causa di alcuni disguidi tra Poste e Inps, riesco a riscuoterne solo 900. È stato un incubo”.

INDIETRO

Garanzia Giovani, le storie: “Mi hanno pagato dopo un anno”. “È stato un incubo”. “In attesa di risposte da mesi”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Garanzia Giovani verso la fase 2: tra incertezza sui fondi, incognite sui tempi e disservizi si rischia di nuovo il caos

next
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: “A febbraio disoccupazione giù a 11,5% e quella giovanile è calata al 35,2%. Ma aumentano gli inattivi”

next