Un barista è stato ucciso durante un tentativo di rapina nella frazione Riccardina di Budrio, in provincia di Bologna. Sarebbe il figlio del titolare. Il killer, armato di un fucile e di una pistola, gli ha sparato a quanto pare per una sua reazione alla richiesta di soldi, e avrebbe ferito anche altre due persone. Poi è fuggito a piedi. Sul posto sono state trovate tracce di sangue, forse dell’assassino. Torna all’attacco la Lega: “Chi vuol fare una rapina rischia troppo poco, al massimo qualche anno di carcere che poi viene dimezzato con indultini e pene alternative. Servono invece pene esemplari per chi aggredisce la proprietà altrui e ovviamente occorre eliminare l’eccesso di difesa”, dice Roberto Calderoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coop, agnelli in promozione a metà prezzo sullo scontrino. Gli animalisti: “Atto deprecabile e mancanza di rispetto”

next
Articolo Successivo

Amatrice, il principe Carlo visita la zona rossa. Ma il sindaco non lo accompagna: “Tornerò quando sarà ricostruita”

next