Prima su Twitter, poi su Facebook. Con lo stesso contenuto: smentita netta e, in allegato, il documento incriminato. Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia ha replicato così all’inchiesta pubblicata oggi sul Fatto Quotidiano, in cui è dimostrato come l’esponente del Governo Gentiloni abbia copiato parte del suo lavoro di dottorato all’Imt di Lucca nel 2008. Per Marianna Madia, però, la realtà è ben diversa. “Per trasparenza, ecco la mia tesi di dottorato” ha scritto alle 18.19 il ministro su Twitter, mettendo il link alla pagina dell’Imt di Lucca. “Nessuna anomalia” ha aggiunto. E poi ha annunciato querela: “Valuteranno i giudici il danno che ho subito oggi”. Qualche minuto dopo, la titolare della Pubblica amministrazione ha replicato anche sul suo profilo Facebook. Stesso messaggio, ma con un’aggiunta: “Le fonti e gli autori sono stati citati”.

La risposta del ministro arriva dopo una giornata in cui la politica ha preferito non commentare la notizia pubblicata dal Fatto Quotidiano. L’unico a parlare è stato Danilo Toninelli, deputato del Movimento 5 Stelle. Il canale è sempre il solito, ovvero Twitter: “Dei tedeschi ammiro la serietà istituzionale. Un ministro si è dimesso per una tesi copiata. Se non chiarisce, Madia dovrebbe fare lo stesso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raggi e il discorso per i Trattati di Roma, la sindaca ride mentre il vice attacca la Rai: “Quel curioso oscuramento…”

next
Articolo Successivo

Biotestamento, ripresa e subito rinviata la discussione alla Camera. Udc: “No a riduzione dei tempi”

next