Amore, famolo strano. Vestiti da panda, ad esempio. Non è una nuova mania fetish, ma una campagna a scopo benefico lanciata da Pornhub. In occasione della Giornata nazionale dei Panda, infatti, il più grande sito porno del mondo ha dato il via a “Panda style”, un’iniziativa pensata per aiutare il panda gigante. Come? È presto detto. Il sito donerà 100 dollari ad associazioni impegnate nella conservazione del panda gigante per ogni filmato dove i protagonisti si danno un gran bel da fare vestiti da panda o con del body painting a tema. E se sentite il “richiamo della natura” e volete visionare i video della categoria panda style, gioite: anche voi state aiutando la causa, perché a ogni visualizzazione Pornhub dona un centesimo di dollaro. Alla faccia di chi dice che il porno è inutile.

Ma perché proprio il panda gigante? A quanto pare, la specie è a rischio estinzione perché gli esemplari sono sessualmente molto pigri. Le femmine sono fertili solo 2-3 giorni l’anno, ma i maschi sembrano preferire dormire e mangiare a fare un po’ di sana attività fisica con scopi riproduttivi. Nella pagina della campagna benefica, Pornhub spiega che scienziati e biologi che lavorano negli zoo le hanno provate tutte per risvegliare la voglia dei panda. Uno dei metodi, informa il sito, “è il ‘poo dei panda’, che tende a incrementare l’attività sessuale degli animali”. Ma non è abbastanza. Purtroppo “la carenza e la bassa qualità di questi video pone un problema”. Ed è qui che entra in gioco Pornhub. “Siate creativi“, suggerisce. Ma occhio a non condividere il video sui social per sbaglio: immaginate che pandamonio?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rusty Trombone, la pratica sessuale del momento? Il parere dei sessuologi Roberta Rossi e Vincenzo Puppo: “Scomoda e non nuova”

next
Articolo Successivo

Porno, ecco il test dell’Università di Budapest che misura se il rapporto con l’hard è compulsivo

next