“#BastaUnSì”: Alessandro Di Battista ricicla in chiave ironica il noto slogan referendario per invitare Matteo Renzi e il Partito democratico a votare la proposta che verrà presentata lunedì dal Movimento cinque stelle: “Una riforma del trattamento pensionistico dei parlamentari per renderlo tale e quale a tutti i ‘comuni mortali'”. Il tema dei vitalizi è tornato ad animare il dibattito politico, anche grazie al libro ‘Orgoglio e vitalizio‘ (Paper First) di Primo Di Nicola, Antonio Pitoni e Giorgio Velardi e alla petizioneVitalizi, poniamo fine al privilegio‘ lanciata dal FattoQuotidiano che ha raccolto già più di 210mila firme. A Di Battista ha replicato su Twitter il deputato dem Matteo Richetti: “In attesa della tua proposta, che ne dici di votare la mia?”

“C’è chi non vuole votare perché aspetta il 15 settembre per maturare l’ennesimo privilegio: una grande pensione anticipata”, comincia così il post su Facebook del deputato M5s, che poi aggiunge: “Caro Renzi, tra una ‘corsetta’ vista Alcatraz e una goccia di sudore freddo per l’inchiesta Consip, dai uno sguardo alla nostra proposta e poi dì a quel che resta del tuo partito di votarla. Bastano due giorni di lavoro anzi, #BastaUnSì”. I deputati Pd rispondono a Di Battista, ricordando la proposta di legge di Richetti, che andrebbe a equiparare il trattamento dei parlamentari con gli altri lavoratori dipendenti. “Perché in 19 mesi non avete sottoscritto questa proposta sui vitalizi?”, chiede Simona Malpezzi.

Almeno a parole, tutta la politica sembrerebbe pronta ad aderire alla petizione del FattoQuotidiano e abolire il privilegio. A M5s e Pd si aggiunge il centrodestra con Mariastella Gelmini. La deputata di Forza Italia dice di aver “già sottoscritto la proposta di Richetti”. “Serve un provvedimento organico – dichiara a Domenica Live su Canale 5 – esistono dei privilegi che non sono ammissibili in una situazione come questa”. “Se c’è la volontà, in sei o otto mesi chiudiamo la partita. Per una legge fatta bene e costruita bene per evitare ricorsi ci vogliono dei mesi. La faremo”, afferma la senatrice Pd Laura Puppato a L’Arena su Rai1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, la petizione del Fatto supera le 200 mila sottoscrizioni. Firma anche il deputato che ha rinunciato all’assegno

next
Articolo Successivo

Voli di Stato, è Alfano il ministro con l’aereo blu: più viaggi di Gentiloni

next