È partita mercoledì la nuova edizione del Treno Verde, la campagna nazionale di monitoraggio, sensibilizzazione e informazione sull’ambiente e sull’inquinamento, sia atmosferico sia acustico, promossa da Legambiente e Ferrovie dello Stato. Partner dell’edizione di quest’anno è Anemotech, che ha creato e sviluppato The Breath, tessuto multi-strato in grado di assorbire gli inquinanti e pulire l’aria in ambienti aperti e chiusi.

Il Treno Verde girerà l’Italia fino al 31 marzo: 12 tappe per promuovere la sostenibilità ambientale, monitorare l’inquinamento acustico e atmosferico all’aperto e – novità di quest’anno – indoor nelle città in cui farà sosta. Il tema principale di questa edizione sarà l’economia circolare.

Il tessuto The Breath sarà utilizzato per rivestire tre dei quattro vagoni del Treno: il primo, dedicato allo spreco dei processi produttivi e agli obiettivi previsti dal Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare (di cui si sta attualmente discutendo a Bruxelles); il secondo pensato per le aziende che applicano buone pratiche e il terzo riservato alla cittadinanza circolare, focalizzato in particolare al riuso, riparazione e condivisione. “Siamo molto contenti di partecipare a questa iniziativa mettendo a disposizione del Treno Verde la tecnologia ambientale del nostro tessuto”,  ha commentato Gianmarco Cammi, direttore operativo di Anemotech. “Monitorare e cercare di abbattere l’inquinamento outdoor e indoor non è mai stato così importante come oggi. Con la nostra tecnologia speriamo di poter contribuire alla salute di tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Piano Lupo, Wwf: “Gli abbattimenti non sono la soluzione. Le greggi si difendono con i maremmani”

next
Articolo Successivo

Non solo Ilva, viaggio fra gli ecologisti eretici nell’Italia inquinata. Segnalate le vostre storie

next