“Essere o dover essere/Il dubbio amletico/Contemporaneo come l’uomo del neolitico”: in effetti il Pd è attanagliato da un dubbio amletico: essere socialisti o dover essere a tutti i costi governativi con Berlusconi prima, poi Alfano e Verdini? Essere un partito per i lavoratori e i precari, oppure dover essere confindustriali per non scontentare i poteri forti? Una domanda neolitica, che si perde nella notte dei tempi, da quando il Pd è stato fondato fino a quando, pochi giorni fa, Andrea Orlando ha proposto una Bad Godesberg per il Partito democratico: una cosa che la socialdemocrazia tedesca ha fatto nel ’59 spostando più a ‘destra’ l’asse del partito e che fatta oggi costringerebbe il Pd a spostarsi invece a sinistra, tanto è andato a destra finora.

“Nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo”: a Renzi stanno cercando in effetti di preparare un bel trappolone, una gabbia per contenere la sua bramosia di potere, frustrata dall’esito del referendum del 4 dicembre e diventata, dicono le cronache, un’ossessione dell’ex giovane promessa di Rignano sull’Arno. Speranza, Rossi, Emiliano, ma anche i franceschiniani, gli ‘orlandiani’, una parte dei Giovani turchi, sono tutti lì pronti con il fucile caricato a sonnifero per addormentare il segretario.

“Intellettuali nei caffè/Internettologi: in effetti la scissione appassiona scrittori, filosofi, massmediologi, tutti a chiedersi che farà Speranza, quale dichiarazione uscirà dalla bocca di Emiliano, quale grande proposta per la sinistra del nuovo millennio riuscirà a formulare Gianni Cuperlo: preparate i popcorn.

“Soci onorari al gruppo dei selfisti anonimi”: un gruppo molto nutrito fino a qualche tempo fa, quando il mantra era credere obbedire twittare. Adesso pare che il selfie vada meno di moda, e tra l’altro Renzi ha perso la gran parte del suo smalto guascone: gli è tornato il ciuffo che qualcuno gli aveva consigliato di tagliare, ha rimesso qualche chilo e la ribalderia delle camicie bianche con le maniche arrotolate che tanto male ha portato a tutti i leader della sinistra europea immortalati con Renzi è ormai uno sbiadito ricordo. Meglio non scattare selfie in questo momento di down.

L’intelligenza è démodé/Risposte facili/Dilemmi inutili”. In effetti chiedersi se il Pd si scinderà è un dilemma abbastanza inutile e la risposta è facile: sì, perché conviene a molti. L’intelligenza però è passata di moda, dunque difficile che la sua classe dirigente colga il fatto che questo momento politico non lo sta capendo davvero nessuno, e che nessuno ha voglia di seguire le zuffe da cortile tra leader e leaderini senza un’idea di sinistra, di partito, di partito di sinistra neanche a pagarla oro.

AAA cercasi (cerca sì)/Storie dal gran finale/Sperasi (spera sì)/Comunque vada panta rei/And singing in the rain: il gran finale non si è ancora capito quale debba essere: Gentiloni che cade? Gentiloni che governa fino al 2018? Elezioni a giugno? Congresso in autunno? Conferenza programmatica? Comunque vada panta rei. E Singing in the rain.

“Lezioni di Nirvana/C’è il Buddha in fila indiana/Per tutti un’ora d’aria, di gloria”: Renzi c’ha provato a star calmo, ma ci è riuscito per 20 secondi netti, dopo è partito di nuovo come un ariete, non è chiaro se sia lui a volere la scissione e a voler spaccare tutto, o se siano gli altri. Intanto ognuno cerca uno strapuntino, un quarto d’ora di celebrità, una futura candidatura per rimanere a galla.

“La folla grida un mantra/L’evoluzione inciampa/La scimmia nuda balla”: chi grida ‘scissione’, chi ‘ricatto’. E c’è pure chi grida vendetta, tremenda vendetta. Maria Elena Boschi accusa: “A dicembre hanno brindato, dovrebbero chiederci scusa” (poi smentito). Veltroni: “Se la prospettiva è il ritorno ad un partito che sembra la Margherita e a uno che sembra i Ds allora non chiamatelo futuro chiamatelo passato, perché quello è il nome giusto”. Dal futuro al passato: più che un inciampo dell’evoluzione, una vera e propria involuzione. Sinistra’s Karma.

“A prima vista, è sorprendente come la politica [Desmond Morris, autore dal cui libro “La scimmia nuda” è tratto il brano Occidentali’s Karma, vincitore a Sanremo, dice in realtà la religione] abbia avuto tanto successo, ma la sua estrema potenza è semplicemente dovuta alla forza della nostra fondamentale tendenza biologica, ereditata direttamente dai nostri antenati scimmie e scimmioni, a sottometterci a un membro del gruppo onnipotente e dominatore”. La scimmia nuda balla. Comunque vada panta rei. E Singing in the rain.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio Roma, Grillo: “Ci sono problemi, ma risolveremo”. Focus sulle questioni ambientali

next
Articolo Successivo

Scissione Pd: la sconfinata lista di disastri renziani, a beneficio di Richetti

next