È dovuto intervenire Andrea Checchi, il sindaco di San Donato Milanese per spostare il bidone dei rifiuti che, da giorni, si trovava davanti a un pilastro esterno all’edificio della Asl del piccolo comune della città metropolitana di Milano. Un pilastro che non sostiene solo la struttura dell’Asl, ma anche il ricordo di Federico Barakat, ucciso dal padre (poi suicidatosi) il 25 febbraio del 2009, all’interno delle stanze del centro socio-sanitario durante una visita sorvegliata dagli assistenti sociali. Una morte per la quale non venne individuata nessuna responsabilità delle istituzioni e che attende giustizia dalla Corte europea dei Diritti umani alla quale si è rivolta Antonella Penati, la madre del piccolo Federico.

Una ghirlanda di fiori e la foto di Federico sorridente, disegni e dediche dei bambini e bambine ricordano da tempo, sulla nuda parete, la morte di un bambino di otto anni che non può essere dimenticata. Quel bidone della spazzatura copriva parte del pilastro e rappresentava uno sfregio proprio sotto la ghirlanda di fiori. C’è voluta tutta l’indignazione della mamma di Federico, Antonella Penati, che dal suo profilo Facebook ha denunciato il fatto suscitando la solidarietà della comunità di San Donato Milanese e l’intervento del sindaco.

Qualche giorno prima, Antonella aveva già spostato il bidone con l’aiuto di due ragazzi, ma poi aveva saputo che era stato rimesso lì, davanti al ricordo del figlio, forse per il cinico e stupido gesto di qualche bulletto o forse per un’incredibile e imperdonabile svista.

Dobbiamo farci almeno una domanda. Come è possibile che impiegati e impiegate, dirigenti, utenti del servizio socio-sanitario siano entrati e usciti dall’edificio senza accorgersi della collocazione a dir poco inopportuna del bidone dei rifiuti lasciato per giorni davanti al pilastro nell’indifferenza generale?

Twitter @nadiesdaa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taxi in sciopero, sindacati: “Basta, così’ regaliamo 8 milioni a Uber”. Ma nelle città è caos. Delrio: “Regolamentiamo”

prev
Articolo Successivo

Unar, il direttore Spano si dimette dopo servizio ‘Le Iene’: nel mirino “fondi pubblici per club di prostituzione gay”

next