I dipendenti pubblici si ammalano più di quelli privati. Lo sostiene uno studio dell’Ufficio studi della CGIA su dati Inps relativi al 2015. I dati sono stati estratti sulla certificazione di malattia dei lavoratori dipendenti privati e pubblici dell’Inps, avviato nel 2011. Secondo l’analisi della CGIA, più di un dipendente pubblico su due si è assentato dal lavoro per motivi di salute. Il 57%, contro il 38% di chi lavora nel privato.

Sembra però che le assenze dei dipendenti pubblici durino meno. Appena il 12,1% dei lavoratori del privato resta a casa per un giorno soltanto, contro il 25,7% di chi invece lavora nel settore pubblico. In generale, tra il 2012 e il 2015 si è registrato un forte aumento delle assenze nel pubblico: una media nazionale di +11,9%, con picchi addirittura del 20% in regioni come Umbria e Molise. Nel privato, invece, le assenze sono aumentate appena dello 0,4% a livello nazionale, con nove regioni in cui si è invece registrato un calo (in Calabria e Sicilia del 6%).

E se i dipendenti pubblici sono più cagionevoli al Sud (62%), al Nord invece la situazione si ribalta: si è registrato qui il 57% delle 9 milioni di assenze nel settore privato.

“È evidente che non abbiamo alcun elemento per affermare che dietro questi numeri si nascondano forme più o meno velate di assenteismo“, spiega Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi. “Tuttavia qualche sospetto c’è”, continua. Basti pensare che, in Calabria, tra 2012 e 2015 si è registrato un aumento del 14,6% delle assenze per malattia nel settore pubblico, diminuite invece del 6,2% nel privato. Secondo Zabeo “è difficile sostenere che ciò si sia verificato perché i dipendenti pubblici di quella regione sono più cagionevoli dei conterranei che lavorano nel privato”.

Nelle statistiche non sono riportate le assenze riferite a gravidanze e donazioni del sangue. Ma Renato Mason, segretario della CGIA, non ha dubbi: “Se fosse stato possibile includere anche quelle assenze – spiega – “probabilmente lo scarto tra pubblico e privato sarebbe aumentato notevolmente, facendo impennare il numero di quelle ascrivibili ai dipendenti pubblici.”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vigili del Fuoco, lo scontro con i carabinieri per l’eredità della Forestale “Così i due corpi rischiano di sovrapporsi”

next
Articolo Successivo

Messina, sorpresa al presidio dei lavoratori: arriva il sindaco Accorinti e intona Blowin’ in the wind

next