di Tito Borsa

Sabato prossimo, 11 febbraio, dovrebbe tenersi a Genova un raduno dell’ultradestra europea, “For a Europe of Fatherlands – Per l’Europa delle Patrie”: tra i partecipanti, dovrebbero esserci Roberto Fiore, presidente di Forza Nuova, Udo Voigt, parlamentare europeo del Partito Nazionaldemocratico di Germania, Yvan Benedetti, leader del Parti Nationaliste Français, e Nick Griffin, ex presidente del British National Party.

Usiamo il condizionale perché il tutto è in dubbio, dopo il rifiuto dello Starhotels President a ospitare la manifestazione e dopo la miriade di polemiche scoppiate in questi giorni, secondo cui è vergognoso che Genova, medaglia d’oro alla Resistenza, sia teatro di un raduno di estrema destra con tendenze fascistoidi e filonaziste. Per quanto questi soggetti si facciano portatori di idee fuori dal tempo, dalla Storia e dalla logica, è palese che abbiano tutto il diritto di esprimerle, sempre che non compiano atti illegali. Questo principio vale per loro e per chiunque altro. Non è possibile impedire a delle persone di esprimere le proprie idee solo perché queste vengono considerate “sbagliate”: certo, c’è la legge Scelba che punisce l’apologia del fascismo e la ricostruzione di partiti o associazioni simili al Partito Nazionale Fascista, però sarebbe contraddittorio che lo stesso Stato che permette (o forse tollera) l’esistenza di partiti come Forza Nuova, ne vietasse la libera espressione.

Non è questione di condividere le idee e le proposte dei partecipanti a “Per l’Europa delle Patrie”, bensì di battersi per il loro diritto di parola. Il nostro parere o il nostro giudizio su di loro è ininfluente: se così non fosse, basterebbe davvero poco per tornare in un regime in cui chi non la pensa come il potere è da abbattere, anche solo legalmente. E poi, da un punto di vista meno filosofico e idealistico e più utilitaristico: non è più facile sorvegliare movimenti del genere se li lasciamo manifestare alla luce del sole? Partendo dal presupposto che non un divieto come quello auspicato da realtà come l’Anpi o il Pd locale non può portare alla scomparsa dei movimenti neofascisti o neonazisti, è più sicuro per la collettività dare loro diritto di parola e di riunione, oppure costringerli ad andare in clandestinità?

La democrazia assorbe per sua natura tutte le idee politiche, anche quelle antidemocratiche, se espresse nel rispetto della legge. Proibire a priori il raduno dell’ultradestra a Genova significa porsi come giudici di un aberrante processo alle intenzioni, che è proprio di quel clima politico e ideologico da cui la nostra Repubblica si è sempre voluta distaccare. Proviamo a riflettere sul fatto che la democrazia non è individualista: le libertà appartengono a tutti, anche a chi è più distante da noi, anche a chi ci può fare schifo. Se, nel nome della democrazia, bolliamo come “giuste” certe idee — e quindi “degne” di essere espresse — e come “sbagliate” altre — e quindi non degne di libera espressione — ecco che cadiamo nel vortice molto allettante della dittatura.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La lettera prima del suicidio. Michele, 30 anni: “Questa generazione si vendica del furto della felicità”

next
Articolo Successivo

Trapani, crolla vecchio cinema: due operai estratti vivi dalle macerie. Salvo un terzo che si trovava all’esterno

next