E’ di almeno 30 vigili del fuoco uccisi e molti altri feriti il bilancio del crollo del palazzo Plasco a Teheran, uno dei più antichi grattacieli della capitale iraniana. L’edificio di 17 piani è crollato dopo che un incendio è divampato al suo interno e si teme che tra le macerie ci siano ancora tra le 50 e le 100 persone. Almeno 38 vigili del fuoco feriti sono stati portati in ospedale dopo il crollo.
Gli edifici vicini, tra i quali le ambasciate della Turchia e del Regno Unito, sono stati evacuati. Le autorità hanno escluso che si sia trattato di un atto di terrorismo. Il palazzo Plasco, fatto costruire dall’imprenditore ebreo iraniano Habib Elghanian, era stato inaugurato nel 1962 ed era all’epoca il più alto della città. Ospitava anche un centro commerciale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, raid aereo americano contro postazioni Isis a Sirte: uccisi 90 miliziani

next
Articolo Successivo

Usa, New York Times investe 5 milioni dollari per inchieste su Trump: “Vogliamo dare giornalismo di profondità”

next