Il pasticcio in Europa con il mancato passaggio da Farage all’Alde e ritorno non ha danneggiato il Movimento 5 Stelle che torna a essere il primo partito con il 30,9% con a seguire il Pd a 30,1. Staccati a 12,4 e 12,5% Forza Italia e Lega Nord. L’analisi delle risposte di Nando Pagnocelli sul Corriere della Sera riguarda il pensiero degli italiani intervistati sul governo Gentiloni, sulla situazione e il futuro di Matteo Renzi, le elezioni politiche e il caso Alde.

Lo scenario politico appare sostanzialmente fermo nonostante l’affaire Alde, la polemica sulla proposta di Grillo sulla giuria popolare, e i continui inciampi dell’amministrazione Raggi. “L’elettorato pentastellato appare tetragono, insensibile alle vicende che riguardano il Movimento” ragiona il sondaggista. Gli eventi sono stati seguiti dal 45% degli elettori e solo l’8% ritiene che il movimento di Grillo lascerà per strada consenso, per il 27% riuscirà a recuperare con qualche difficoltà, mentre il 40% (71% tra gli elettori pentastellati) non ritiene che ci sarà una perdita di consenso (14%) o immagina un recupero a breve, come già avvenuto in passato (26%). Ma non solo, secondo l’analisi, nel caso dei 5 Stelle l’elettorato non diminuisce perché la “provenienza è molto trasversale”.

Sul governo Gentiloni un terzo degli interpellati, il 33%, esprime una valutazione positiva contro il 44% che ne dà un giudizio negativo, il 23% non esprime una valutazione. Sul tema delle elezioni rimane ferma la richiesta di consultazioni da parte degli elettori della Lega e del M5S ma cala di otto punti, da 48% a 40%, la percentuale di chi auspica il ritorno alle urne prima possibile: cresce il numero di chi (da 25% a 29%) chi vorrebbe si votasse a giugno o a settembre, dopo l’approvazione di una nuova legge elettorale. Per quanto riguarda il premier uscente Matteo Renzi appare al 38% degli intervistati in difficoltà, il 30% ritiene che sia un leader sconfitto senza futuro politico, mentre il 22% pensa che il segretario dem abbia le capacità di ritornare protagonista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, dopo l’articolo del Fatto.it la Lega annuncia mozione di sfiducia contro Alfano: “Intasca soldi su pelle immigrati”

next
Articolo Successivo

Consip, Renzi difende Lotti e Del Sette: “Fuga di notizie? Non dubito di carabinieri e ministri. Aspetto sentenza”

next