Il Fatto Quotidiano cresce. Tutti gli altri perdono con percentuali a doppia cifra. Secondo i dati dell’Accertamenti diffusione stampa di novembre, il nostro giornale è cresciuto dello 0,9% rispetto allo stesso mese del 2015 sulle diffusioni cartacee e digitali per un totale di 45,8 mila copie, soprattutto grazie all’edizione digitale. Confermando, di fatto, un trend in controtendenza rispetto al panorama della stampa italiana: secondo i dati Ads (che, in attesa di emanare un nuovo regolamento che avrà effetto retroattivo, ha sospeso le rilevazioni su quelle cosiddette di “co-marketing”, associabili cioè ad attività promozionali svolte attraverso intermediari) nelle diffusioni carta+digitale IlSole24Ore registra un -46,2%, Libero -44%, La Repubblica -22,7%, Il Giornale -16,8%, Il Corriere della Sera -16,1%, La Stampa -14,3%, La Gazzetta dello Sport -9%, Il Messaggero -7,6% e Avvenire -6,9%. Unica altra testata a crescere, seppur di uno 0,1%, è Il Manifesto con 11,7mila copie complessive.

Anche nelle edicole Il Fatto Quotidiano fa registrare prestazioni nettamente migliori rispetto ai concorrenti. Questa volta le copie non aumentano, ma registrano una lieve flessione (-0,7%) contro i cali in doppia cifra del resto dei quotidiani: Libero -27%, IlSole24Ore -21,7%, Il Giornale -17,6%, Avvenire -14,7%, Tuttosport -14,6% (-14,1% il lunedì), Corriere dello Sport del lunedì -14%, La Stampa -13,4%, Corriere dello Sport -12,5%, La Repubblica -10,6%, Gazzetta dello Sport del lunedì -8,3%, Messaggero -8,2%, Gazzetta dello Sport degli altri giorni -6,4%, Corriere della Sera -5,2%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Unità, Staino a Renzi: “Mi hai deluso”. Il Cdr: “Non può restare ancora in silenzio”

next
Articolo Successivo

Rondolino: “Chiusura Unità? Colpa primaria di Staino. Renzi? E’ sparito come The Young Pope”

next