“Abbiamo rifiutato il suo invito perché non siamo mai stati d’accordo con le sue idee: non possiamo appoggiare un uomo che ha basato la sua ascesa politica sul populismo oltre che su atteggiamenti xenofobi e razzisti”. L’invito è quello di Donald Trump, neo presidente degli Stati Uniti, e a rispedirlo al mittente sono il trio Il VoloGianluca Ginoble, Ignazio Boschetto e Piero Barone erano stati chiamati a cantare in Usa in occasione dell’insediamento del tycoon alla Casa Bianca il prossimo 20 gennaio, ma al Corriere della Sera spiegano che non parteciperanno alla cerimonia. “Se anche la politica americana può apparire lontanissima da noi – hanno continuato parlando al quotidiano – il risvolto sociale di quello che succede lì ci interessa e ci riguarda”. Popolarissimi negli Stati Uniti, il loro concerto previsto per il 4 marzo alla Radio City Music Hall è già andato tutto esaurito. Come loro, anche altri artisti si sono rifiutati di cantare. Tra loro, secondo quanto pubblicato dalla stampa internazionale nelle ultime settimane, ci sono anche Andrea Bocelli e Celine Dion.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Paolo Conte compie ottant’anni, tra cinema, jazz e enigmistica. Auguri maestro!

next
Articolo Successivo

“David Bowie scoprì di essere malato terminale tre mesi prima di morire”: il documentario della Bbc

next