Niente congresso anticipato. Alla fine il Pd decide di rinviare – senza troppe polemiche – quella che veniva sbandierata come la possibile “resa dei conti” interna. “Rispetteremo le scadenze statutarie”, taglia corto il segretario Matteo Renzi. E se Gianni Cuperlo accenna qualche critica (“Capisco che Renzi non voglia farlo subito, ma facciamolo prima delle elezioni”), la minoranza bersaniana del Pd non vota la relazione del segretario, ma non forza. Anche per il rilancio del Mattarellum da parte di Renzi: “Siamo d’accordo sulla legge elettorale”, rivendica Roberto Speranza. Lo stesso che aveva lanciato la sua candidatura il giorno prima, ora congelata. “Il Congresso? Lo faremo nei tempi giusti. Così si autolegittima Renzi? Io non vedo questo problema. E non temo cacciate dalle liste”, replica invece il deputato della minoranza dem Nico Stumpo. Critico, invece l’altro candidato “congelato”. Enrico Rossi: “Un errore rinviare il Congresso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assemblea Pd, Giachetti vs Speranza: “Ora sei per il Mattarellum? Hai la faccia come il culo”

next
Articolo Successivo

Assemblea Pd, quando Giachetti diceva: “Il degrado del linguaggio della politica non aiuta il Paese”

next